sabato 1 novembre 2014

4/12/2014 CAMBIA IL SISTEMA DI CONTROLLO BANCARIO

Questa mattina a Radio24, emittente del Sole 24 Ore, nela trasmissione di Oscar Giannino ho ascoltato la notizia e relativa discussione SuL provvedimento della BCE (Banca Centrale Europea, Governatore Mario Draghi, in cui da martedì 4 novembre 2014, avrà il compito
di vigilanza sulle banche Italiane e degli altri Paesi dell'Eurozona. Cosa vuole dire questa notizia?
Innanzitutto che il compito di vigilanza sulle Banche Italiane e relative acquisizioni da parte di banche estere (es USA) non spetterà più alla Banca d'Italia ma alla BCE. Il secondo aspetto è di natura economica, in quanto tutte le Banche dovranno versare dei contributi per le attività di vigilanza, che sicuramente andranno a discapito  dei correntisti ed azionisti.
Ma la cosa più preoccupante è che la BCE avrà il compito discrezionale (dalle prime notizie che trapelano a fatica) di fare pagare sia agli Azionisti che ai Correntisti le sofferenze bancarie.
 donazioni
In poche parole, la BCE potrebbe chiedere, anzi obbligare con prelievo forzoso,  alle categorie sopra menzionate, la copertura di parte del passivo ai Correntisti del MPS (Monte dei Paschi di Siena) e alle altre 14 Banche Europee in gravi difficoltà. Da sottolineare che un'altro Istituto di Credito Italiano che non ha superati i test, si tratta della Banca Carige.
Questo trattato ratificato a livello Europeo entrerà appunto in vigore il 4 novembre 2014 e prende il nome di MVU (Meccanismo di Vigilanza Unico).

Articolo di Stefano Becciolini © del 01/11/2014



 Iscrizione
Vuoi rimanere aggiornato sui nuovi articoli e riceverli via mail anche sul cellulare? Ricorda che arriverà una mail di richiesta conferma al tuo indirizzo di posta elettronica





Post segnalato su G+