lunedì 27 ottobre 2014

DAVIDE SERRA: "IL FINANZIERE DI RENZI"


Nella concreta cortezza che nulla capita a caso e mi riferisco al commissariamento della Banca d'Etruria, l'Istituto di Credito del padre del Ministro Maria Elena Boschi, voglio riproporre questo articolo da me scritto il 27 Ottobre 2014 che troverete molto interessante. A voi il compito di tenervi aggiornati su questo nuovo scandalo e trarne, se volete delle conclusioni o degli spunti di riflessione.

Aggiornamento del 25/02/2015

In questi giorni il Finanziere Davide Serra si è posto alla ribalta delle cronache grazie alle sue pesanti affermazioni sulla limitazione al diritto di sciopero dei lavoratori italiani, subendo per questo moltissime critiche anche all'interno del PD.
Vediamo ora chi è questo nuovo personaggio che volenti o no peserà sulle scelte del Premier Matteo Renzi di cui è amico e coetaneo.

  • La sua brillante carriera Finanziaria inizia dopo la Laurea alla Bocconi di Milano con 110 e lode e  ottenuto un Master's in International Management del CEMS presso la Louvain School of Managemen.
  • *Nel 1995 si trasferisce a Londra, dove lavora per UBS fino al 2000, prima di entrare nel 2001 alla banca d'affari Morgan Stanley dove è diventato direttore generale e coordinatore della ricerca globale sulla finanza.
  • *Nel 2006 ha fondato, insieme al francese Eric Halet, il fondo speculativo o “hedge fund” Algebrisdi cui è amministratore delegato. Per capirci, gli “hedge fund” sono quei fondi speculativi che sono stati la causa della terribile crisi economica iniziata nel 2008 e deliberatamente voluta. Algebris, compare come brand partner di Unicredit - ex di Morgan Stanley. Sono di quel periodo le sue prime affermazioni di  ridurre le pensioni retributive per passare al contributivo secco, cioè di ridurre ulteriormente le striminzite pensioni di chi ha contribuito per tutta una vita, perché a suo dire sarebbe il "retributivo" la causa della disoccupazione giovanile, affermazione strana per un banchiere che sa che la moneta viene creata dal nulla a vantaggio di sé stesso e degli speculatori come lui.Nel primo anno di attività il fondo è cresciuto da circa 700 milioni a quasi 2 miliardi di dollari gestiti, assicurando agli investitori un guadagno del 40% e ha chiuso con oltre 12 milioni di euro di utili.
  • Nel 2014 Algebris Investments apre una sede anche in Italia (Milano) con Alexander Lasagna presidente.
  • Un'accusa (non confermata)è la presunta propietà di una  società AKSANGE che sarebbe stata incaricata di dare i dati elettorali alla scytl, la società già accusata di brogli per l'elezione del presidente americano, che è stata selezionata dal Parlamento europeo per il conteggio delle schede elettorali a livello europeo.
  • In occasione delle Primarie del 2012 ha sostenuto la campagna elettorale di Matteo Renzi, organizzando per lui una cena di finanziamento a Milano. In seguito alla sconfitta di Renzi, ha quindi deciso di votare Mario Monti alle politiche del 2013.
  • È tornato infine a sostenere Renzi nella campagna vittoriosa per le primarie del PD del 2013, intervenendo il 26 ottobre alla quarta edizione dell'assemblea alla Stazione Leopolda di Firenze.
  • Tra le sue proposte: Tagliare la spesa pubblica, l'abolizione del Senato, l'abolizione delle province, l'accorpamento dei  piccoli Comuni, l'aumento delle aliquote sulle rendite finanziarie per abbassare le tasse sul lavoro, il taglio delle cosiddette "pensioni d'oro", la semplificazione del sistema tributario e la lotta all'evasione fiscale.
  • La sua idea di riforma del sistema bancario Italiano si basa sul modello Fortis per MPS, il che significa nazionalizzarla per ridarla completamente ai privati che l'hanno saccheggiata, detta il programma del PD di Renzi e il programma per MPS. La stessa fine e lo stesso modello sono preconizzati per MPS da Renzi/Davide Serra .Sempre su MPS, è proprio il presidente del Bilderberg (Henri de Castries) in persona che ha diretto l'operazione MPS, svaligiando la banca per conto terzi. E' AXA la nuova proprietaria di MPS e quindi DELLA PROVINCIA DI SIENA, AXA che
    attraverso il fondo Bernstein è comproprietaria di Goldman Sachs (oltre che azionista di: Marathon Oil Corporation 24.9 million shares, Atria Group, Inc. formerly Philip Morris, Institutional investor 
Articolo di Stefano Becciolini © del 27/10/2014



 rICEVI AGGIORNAMENTI
Vuoi rimanere aggiornato sui nuovi articoli e riceverli via mail anche sul cellulare? Ricorda che arriverà una mail di richiesta conferma al tuo indirizzo di posta elettronica



Post segnalato su G+