martedì 28 ottobre 2014

LA ROTTAMAZIONE DI TRE GENERAZIONI

Dalle parole di Renzi, Primo Ministro non eletto Democraticamente dal Popolo, si ha la conferma definitiva, se mai ce ne era bisogno, che l'Italia delle tutele verso i giovani e i lavoratori, si sta lentamente avviando al declino.
L'offensiva, che da alcuni è chiamata "macelleria sociale", iniziata nel 2011, ma pianificata molto prima dai poteri della Massoneria economica sta concludendo il suo iter politico con successo. La riprova che la parola d'ordine era "meno diritti ai lavoratori e eliminazione del posto fisso", la potete trovare in questa intervista a Mario Monti datata 2012, dove l'ex Premier non Democraticamente eletto affermava con scherno questa "teoria economica" uscita dai laboratori massonici dell'Università Bocconi di Milano e perfezionata dagli statisti economici delle Università Americane.
 Sondaggio Euro
Come non ricordare l'appartenenza al Gruppo Bildemberg di Mario Monti, Mario Draghi, Enrico Letta e di moltissimi altri personaggi della politica, dell'economia e della finanza internazionale. Bildembreg e Massoneria, sfrenata ricerca di potere e deviata consapevolezza di appartenenza ad una Elitè che vuole prevaricare ed assoggettare la libertà degli esseri umani che per sua natura sono nati liberi.
Mario Monti non poteva funzionare con il suo triste piglio da Professore Universitario, Enrico Letta era un personaggio di transizione, l'uomo giusto era Matteo Renzi, ma qualcosa era andata storto già nel 2012 quando fu trombato alle primarie del PD. Il piano infernale del "Grande Fratello" era stato rimandato di un  anno, ma poi la pedina Renzi è stata messa sullo scacchiere della politica Italiana e da pedina è divenuto cavallo di troia dopo l'ignobile tradimento per 80 denari di una parte consistente di Italiani.
Cosa ci aspetta per il futuro? Non lo so, ma  temo nulla di buono. Tensioni sociali sempre maggiori, lo spettro della Troika Europea, le leggi speciali che stanno preparando con la scusa del terrorismo. In poche parole stiamo assaporando i frutti della lunga stagione della strategia della tensione e del terrore iniziata quel maledetto 11 settembre 2011,
Cosa fare? Continuare sulla strada che sempre più persone come noi hanno intrapreso molto tempo fà. Informare, condividere pensieri, soluzioni, ma soprattutto non mollare mai, perchè noi siamo sulla strada giusta. L'unica strada che può portare il vero cambiamento per questo Paese martoriato, al fine di ritrovare la vera umanità non perduta, ma solo assopita nella nostra coscienza. Tutto ci remerà contro, verremo additati come populisti, estremisti, terroristi, ma noi sappiamo cosa siamo, noi siamo esseri umani con una dignità e delle famiglie da difendere ad ogni costo.
Articolo di Stefano Becciolini © del 25/10/2014






Post segnalato su G+