venerdì 20 febbraio 2015

IL MEDIO EVO PROSSIMO VENTURO, INTERVISTA ALL'AVV. CARLO TAORMINA

(N.d.R) Nell’ accingerci a presentarvi questo nuovo documento del blog Fahrenheit 912, abbiamo il dovere di informare tutti i lettori che l’originale traccia audio dell’intervista all’avv. Carlo Taormina conteneva troppi rumori di fondo perché se ne pubblicasse il file a beneficio degli ascoltatori. Nel rispetto dei tempi di redazione e della corretta informazione, abbiamo tentato di ricostruirne il filo logico, ma abbiamo ritenuto opportuno mantenere la sintassi originale, che talora, purtroppo,  risulta poco scorrevole e incompiuta. Confidiamo pertanto nella benevola disponibilità del lettore ad accogliere questo nostro tentativo di rispetto dell’obiettività, considerando che ogni nostro contributo avrebbe sicuramente alterato la libertà e la nitidezza dell’opinione altrui.
L'intervista di quest'oggi s’intitola "Il Medio Evo prossimo venturo", titolo che riteniamo appropriato  per toccare dei temi che in una certa misura sono attinenti tra di essi. Mi riferisco a "il discorso d’odio" a proposito del nuovo reato sull' Omofobia e la sua interpretazione di tipo  discrezionale da parte della magistratura e la diversa concezione di Terrorismo Islamico alimentata dalla cosiddetta "satira irriverente.
L'intervista è scaricabile in formato PDF: CLICCA QUI 
Per identificare gli interlocutori useremo "R" per redattore e "AT" per l'avvocato Carlo Taormina


R: Durante il meeting dell’ OSCE del 3 e 4 luglio scorsi a Vienna, è stata discussa la tesi di Paul Coleman, portavoce dell’Alliance Defending Freedom, secondo cui le leggi contro l'omofobia sono strumenti del totalitarismo e non della democrazia. Quale è il suo punto di vista a riguardo?

AT: Io sono dell’idea che fino a quando non vengono prese in considerazione singole persone che in qualche modo possano essere attinte da atteggiamenti ingiuriosi, non rispettosi e comunque che ledono la personalità del soggetto, credo che ogni altra cosa non debba essere assolutamente oggetto di divieto. Sarebbe veramente un controsenso e molto grave dal punto di vista della manifestazione della libertà del pensiero che non si possa esprimere la propria opinione su queste come su altre cose che sono rientranti nel grande concetto della discriminazione per motivi raziali, sessuali e quant’altro. Credo che sotto il profilo della libertà di pensiero nessuno si può toccare, perché nemmeno l’ordinamento Costituzionale può impedire al soggetto di pensare quello che crede, e anche le cose più nefaste possibili, ma anche dal punto di vista della libertà di manifestazione del pensiero, quando si fa riferimento a problemi di carattere generale, a situazioni complessivamente considerate, parlare di divieti è veramente un assurdo. Quindi punire l’omofobia comunque sia, siamo sempre nell’ambito di una manifestazione di opinione, rientreremmo nella grande categoria dei reati di opinione dei quali pensavamo di esserci fortemente sbarazzati ed invece pare che tutto sia ancora molto vivo. Faccio presente che sono state fatte molteplici modifiche al Codice Penale ad esempio in materia di vilipendio della religione, del vilipendio del Presidente della Repubblica e quant’altro. Sono state fatte una serie di modificazioni per tutto ciò che riguardava i reati di opinione e sono stati trasformati non nell’eliminazione totale, ma appunto trasformati nel divieto di comportamenti denigratori, ma in quanto legati ad una determinata persona; quindi un po’ sulla falsa riga di quello che osservavo prima: tutto è assolutamente da acconsentire dal punto di vista della manifestazione del proprio pensiero con il limite del non coinvolgimento della persona, e della valutazione negativa o positiva che dovrebbe essere fatta.
R: Se non sbaglio, anche lei è stato negli onori della cronaca per un fatto accaduto durante il programma Radiofonico “La Zanzara” dell’emittente Radio 24.
AT: Sì, io sono stato citato in giudizio civile da parte dell’Associazione che si dice costituita a tutela dei diritti degli Omosessuali, perché nel corso della trasmissione “La Zanzara”, richiesto un po’ provocatoriamente, ma comunque in un contesto assolutamente scherzoso, come notoriamente bisogna dire quando si parla di questa trasmissione. Mi fu richiesto se avessi mai assunto persone omosessuali nel mio studio privato. Naturalmente dissi quello che pensavo e tutt’ora penso, nonostante l’intervento della Magistratura e di avere espresso la mia opinione e non più di questo e quindi di essermi avvalso dei diritto di manifestare la libertà di pensiero previsto dalla Costituzione e dissi che io non avrei mai assunto una persona omosessuale. Non era in corso nessuna possibilità di assunzione e iniziativa concreta. Era qualcosa che prescindeva assolutamente da una situazione riguardante un determinato soggetto o una pluralità di soggetti comunque determinati. Credo che la Magistratura abbia commesso un gravissimo errore, tra l’altro sulla base di sentenze della Comunità Europea che sono state citate a sproposito, perché si è fatto riferimento in quelle sentenze a situazioni concrete che non hanno nulla da spartire con quello che dicevo io. Lei pensi che se questa norma, l’omofobia fosse già stata attuata, io mi  sarei reso responsabile di un reato e cioè di esprimere la mia opinione, per cui mi auguro che la Corte di Cassazione che sto investendo del caso, si interesserà dell’approfondimento della problematica e che metterà una parola chiara su questa vicenda. Vicenda che è emblematica, proprio il problema che lei mi sta ponendo. L’omofobia come espressione generale della propria opinione e omofobia come espressione che si calibra su un determinato soggetto. Quest’ultima ipotesi secondo me deve essere sanzionata, la prima non deve essere sanzionata.
 Italia Combat Training
R: Dal momento che "il discorso d’odio" non è un concetto universalmente riconosciuto, ci può essere un rischio rappresentato da un’interpretazione arbitraria delle norme da parte della magistratura come, ha affermato la Corte europea dei diritti dell’uomo?
AT: Esatto. Vorrei dire che il caso che mi ha interessato personalmente è emblematico del rischio che stiamo correndo. Noi abbiamo un sistema basato sulla libertà di convincimento del Giudice e qui si tratta di qualcosa già di estremamente rischioso e su cui tutti i giorni ci confrontiamo. In generale però non c’è la possibilità di bloccare totalmente, anzi è piuttosto blanda la possibilità che sia bloccata l’interpretazione personalistica dei fatti giudiziari da parte della Magistratura. In un settore come quello di cui stiamo parlando, la situazione è ancora più delicata, perché è ovvio che vengono in rilievo una serie di situazioni di carattere emozionale, di carattere personale; ci può essere il Magistrato omosessuale, si tratti di un gay o di una lesbica. Abbiamo tutta una serie di situazioni che possono determinare la particolare sensibilità e questo naturalmente si può tradurre e spesso si traduce, avviene al di fuori di situazioni così delicate e sensibili, che i magistrati lasciano prevalere la loro opinione piuttosto che quello che vuole il legislatore, immaginiamo in settori come questi. Anche l’opinione pubblica è fortemente divisa su questi temi e contrariamente a quello che si ritiene, l’invocazione della possibilità di poter dire quello che si pensa è certamente superiore a quella di una parte della popolazione che vorrebbe invece che vuole che ci fossero delle norme di divieto e quant’altro.
Voglio fare un solo esempio, la posizione  della Chiesa Cattolica. La Chiesa Cattolica ha delle determinate posizioni, naturalmente fermo il rispetto per le persone, e questo non si discute e mai si deve discutere, però parliamo di matrimoni tra omosessuali, parliamo  di determinate manifestazioni esteriori che in qualche modo possono comportare forme di lascivia. Penso ad esempio ai Gay Pride eccetera. La Chiesa Cattolica della quale io sono un’appartenente in quanto Cattolico osservante, senza però essere bigotto, la Chiesa Cattolica dovrebbe essere tutta fuori legge perché nel momento in cui rispetto ad uno Stato che dovesse decidere sui matrimoni gay, di fronte ad una chiesa che dice esattamente il contrario, accusiamo di omofobia anche in questo caso? Possiamo aggiungere anche un’altra cosa, qualche giorno fa abbiamo visto attraverso la rete che rispetto agli omosessuali il mondo Islamico ha un’opposizione molto dura, cioè con l’uccisione per defenestramento, gli uomini vengono buttati dalle finestre o dalle torri perché questo è quello che comanda il Corano. All’ ora che facciamo, tutto l’Islam è omofobo? Tutta la Chiesa Cattolica è omofoba? Mi pare veramente che siamo in una situazione nella quale la cosa buona sia quella che prima ho detto: sul piano generale ognuno la pensa come vuole, sul piano del rispetto delle persone guai a chi denigri sotto qualsiasi profilo un qualsiasi soggetto.
R: Alla luce di quanto detto come possiamo giudicare le vignette satiriche che prendono di mira le fedi religiose?
AT: Sulle vignette satiriche ho una mia opinione personale e dato che me la chiede la dico. E’ molto importante tenere presente il punto di riferimento costruito dall’ordinamento penale italiano, tra l’altro si tratta di norme che quando ero in Parlamento abbiamo approvato tutti quanti insieme e senza spaccature tra sinistra e destra. Noi facemmo questo tipo di operazione: il vilipendio delle religioni compresa la religione di Stato, che allora era, piaccia o non piaccia, quella Cattolica, visto anche che la Costituzione in qualche senso non è che la privilegi, ma comunque la mette in condizione diversa. Anche rispetto alla religione Cattolica si fecero modifiche del Codice Penale prevedendo appunto che soltanto in quanto un rappresentante oppure un soggetto che fosse in osservanza delle regole e de i principi della propria religione e nella fattispecie della religione Cattolica  e soltanto in quei casi l’azione di vilipendio poteva essere punita. Questo mi pare che debba essere fuori discussione, penso però che quando parliamo di una religione, una cosa è il discuterla o farne oggetto di valutazioni anche fortemente negative come ad esempio quando parliamo del Corano e diciamo che  a fronte del Dio misericordioso, quello è un Dio che comanda e non ha nelle corde la logica del perdono, quindi molto lontana dalla logica del mondo cattolico. Ecco quando parliamo di queste cose, credo ci sia un limite alla possibilità di aggressione e denigrazione, nel senso che, tanto per parlarci chiaro, quello che è accaduto in Francia è andato un po’ oltre rispetto a quelle che avrebbero potuto essere certe regole di rispetto. Quindi nel momento in cui un soggetto viene preso in considerazione per vilipendio della sua religione nel momento in cui ad esempio esercita il culto, oppure viene preso in considerazione il Santo Padre per essere oggetto di denigrazione e quant’altro. Queste debbono essere cose sicuramente da sanzionare. Quando si parla della religione in generale, nel momento in cui si travalica il punto di critica  anche ferrea e pesante verso invece la blasfemia, allora francamente penso che qualunque religione, questo minimo rispetto lo meriti.
R: Quello che sta accadendo in Europa e soprattutto nel mondo potrebbe diventare l'inizio di un "Medio Evo prossimo venturo", dove in nome del Liberalismo Globale si combatteranno guerre e si conquisteranno territori per depredarli delle ricchezze, mascherandole da operazioni di pace?
AT: Qui la situazione è veramente molto complessa. Distinguerei due aspetti. Un aspetto relativo a questa situazione che stiamo vivendo in queste ore. Personalmente sono angosciato da quello che sta succedendo in questo mondo Islamico. Non riesco molto a distinguere tra Islam, islamismi e terroristi. Francamente penso che ci sia una matrice che comunque abbia una potenzialità a determinare queste situazioni atroci con le quali oggi ci confrontiamo, perché penso che il Dio che comanda piuttosto che il Dio misericordioso, abbia dentro di se una potenzialità verso questi eccessi. Basta che pensiamo alla condizione della donna, alle lapidazioni, all’uccisione degli infedeli. Sono tutte cose che stanno scritte nel Corano e non nella Bibbia o nel Vangelo di San Matteo, dato per citare oggi un nome molto in voga. Se sono scritte nel Corano, ci può essere un’interpretazione più rigorosa o progressista, però quando Gesù ti dice “quando ti danno uno schiaffo porgi l’altra guancia” è una cosa, ma quando ti dicono che l’omosessuale deve essere decapitato o un’infedele deve essere ucciso mediante rogo, credo che siano delle cose completamente diverse. Dico questo perché credo che la situazione con la quale oggi ci confrontiamo è arrivata al punto di saturazione. La protesta in Italia dei vari Imam che sono presenti sul territorio non è stata così forte nei riguardi di questi atti terroristici. Non c’è stata da parte loro una netta condanna e rivolta, cosa che avverrebbe se intimamente fosse condivisa.
Questo silenzio significa che siamo arrivati al punto di non ritorno. La costituzione dell’ISIS è proprio la prova che tutto quello che abbiamo detto e temuto per tanti anni e cioè la concentrazione del potere islamico che potesse diventare l’elemento di scontro rispetto al mondo Cristiano Occidentale pare che ci siamo. Il Medio Evo lo stiamo già vivendo. Nel momento in cui viviamo una crisi economica che tutti conosciamo e che soltanto dei buffoni di corte ci possono dire sta migliorando o che stia prendendo una diversa connotazione. Se mettiamo anche lo scontro tra religioni è sicuramente un segno dell’oscurantismo Medioevale. Una delle ragioni fondamentali credo sia questa, lo scontro è diventato ora mai ideologico ed è inutile che ci prendiamo in giro: lo scontro ideologico è il segno evidente che stiamo entrando e secondo me ci siamo di già, in un tunnel che si chiama moderno Medioevo.
Non possiamo vedere più venti o trenta persone con le tute arancione che vengono uccise come se fossero degli animali al mattatoio. Come fanno gli islamici che si definiscono perbene in Italia a non invadere le piazze e dire “a noi questi ci fanno schifo”?

Accanto a questo però ci sono anche le implicazioni di carattere economico. Non c’è ombra di dubbio che qui c’è una grande strategia dei poteri forti, Israele, Stati Uniti verso una concentrazione delle ricchezze  soprattutto delle materie prima a cominciare dal petrolio. L’Iraq nella prima e nella seconda guerra del Golfo ne sono state una riprova. Ad esempio, quando Assad il siriano  lo lasciamo fare quello che continua a fare anche di fronte al pericolo che possa essere nuclearmente armato, non c’è dubbio che ci siano interessi sulle materie prime e soprattutto al petrolio. C’è sicuramente tutto questo movimento verso la concentrazione delle ricchezze che porta verso questa crescita delle aggregazioni in una certa direzione piuttosto che in un’altra a fondamento delle quali vengono poste le differenziazioni di carattere religioso. Un circuito pericolosissimo sul quale mi pare che le forze politiche Europee e anche americane non è che dimostrino una grande capacità di contrasto, proprio anche perché riemergono gli interessi.
R: E' indubbio che la maggior parte delle guerre regionali degli ultimi 50 anni sono state alimentate o addirittura fomentate  in qualche modo dalle Multinazionali, secondo lei anche la nuova gravissima crisi Libica, che ci vede coinvolti in primo piano ha una qualche attinenza con questa teoria?
AT: Certamente è interpretativo come ho già detto prima di quello che sta accadendo in Libia. Là c’è il gioco del petrolio, il gioco della porta sull’Europa e dell’Europa sull’Africa. I fattori religiosi ed economici sono esattamente l’uno coordinato all’altro. Chi ha favorito che l’ISIS prendesse in mano la Libia lo ha fatto per una finalità economica e cioè per impadronirsi ancora una volta di grosse ricchezze . Ci stiamo giocando i prossimi cinquanta o cent’anni di storia economica del nostro pianeta.
R: Molti dubbi sorgono su questi terroristi dell’ISIS nati all’ improvviso in pochi anni con il leader AL Bagdadi già internato in un campo di prigionia in Iraq e poi nel 2009 rilasciato su consiglio dei Servizi Segreti Americani che lo hanno ritenuto innocuo.
AT: Noi non siamo estranei, intendiamoci perché tutte le armi che partono dall’Italia le ritroviamo in mano a questa gente. Ognuno deve fare il proprio mea culpa. L’Italia è uno dei primi esportatori di armi in tutto l’emisfero africano. In Afghanistan e in Pakistan hanno sempre avuto le armi italiane. La fornitura delle armi ha un ruolo fondamentale nelle aggregazioni in ragione degli interessi economici che oggi vengono investiti degli interessi religiosi, questo è il problema. L’ISIS non è soltanto la forza brutale dell’Islam che sfrutta determinati istinti di persone che le appartengono che sono il braccio esecutivo ed armato delle grandi operazioni intellettuali che ruotano intorno all’operazione islamica. Ci stiamo muovendo con la Libia perché sappiamo perfettamente che l’altra volta abbiamo sbagliato e non possiamo permetterci di farlo nuovamente perché è la porta sull’Africa e sul petrolio.
R: A quali rischi Terroristici potrebbe andare incontro il nostro Paese con un'eventuale, ma sempre più probabile coinvolgimento militare in Libia? Se tre terroristi hanno messo in scacco Parigi, cosa potrebbe accadere se venti di queste cellule aggregate ponessero in atto un’aggressione in più città italiane?
AT: Sono dell’idea che siamo già in guerra. La mia opinione è che la situazione è molto preoccupante. Ho fatto il Sottosegretario agli Interni con delega all’immigrazione e conosco bene questi fenomeni. Lei deve considerare che abbiamo disseminato in tutta Italia quindicimila sale di preghiera islamiche. Queste sale di preghiera che possono essere anche garages, sono in realtà luoghi come le Moschee , ma molto più preoccupanti delle Moschee. Sono luoghi di indottrinamento e di nascondimento delle armi. Gli italiani sanno che la Polizia non riesce ad entrare nelle Moschee. Noi abbiamo a Roma una delle Moschee più importanti, ma le forze dell’ordine non ci entrano. Anni fa una grande manifestazione dei Fratelli Mussulmani, notoriamente ala estremista degli islamisti e quindi terroristi si tenne nella Moschea di Sassuolo. Il mondo islamico non si è radicato tanto nei grandi centri, ma nei piccoli e si è ramificato nelle piccole comunità mascherandosi e mostrando un volto apparentemente accattivante: ma in realtà sono penetrati nel tessuto sociale, basta vedere italiani che si convertono o vanno a fare la guerra per l’ISIS. Queste sono le conseguenze di una corruzione che è stata fatta della nostra cultura, della nostra religione e del nostro modo di vivere che ha già dato questi frutti e chissà quanti frutti sono già stati dati dei quali non siamo a conoscenza e dei quali ci potremmo fortemente rammaricare probabilmente anche relativamente all’azione terroristica. Non c’è soltanto un pericolo che proviene dall’ISIS e da ciò che rappresenta come punta di un fenomeno più generalizzato, ma c’è il problema che noi abbiamo le cellule dentro al nostro Paese che sono molto più spalmate di quanto si possa ritenere. Questa è la situazione concreta nella quale ci hanno portato.
E’ facile dire che uno Shaadista formato militarmente non viene messo sui barconi che vanno a Lampedusa, ma entri nel nostro Paese dalla Francia con un biglietto aereo, ma fino a un certo punto, perché il fanatico al quale dici che deve andare sul barcone perché se muori, muori per Allah ed intanto su cento ne arrivano dieci, moltiplicati per il numero incredibile di profughi, questo ragionamento che nessuno metterebbe a rischio un terrorista addestrato per una baggianata. Anzi quest’ultimo potrebbe essere un discorso più prevedibile, visto appunto il gran numero di immigrati che sbarcano sulle nostre coste.
Noi siamo secondo me in guerra, l’abbiamo voluta e fatta con le nostre mani. Abbiamo fatto di tutto per non fare quell’unica cosa che doveva essere fatta. Sono stato messo in difficoltà quando ho fatto il Sottosegretario agli Interni con delega all’immigrazione, proprio perché andavo sostenendo una cosa che oggi è sotto gli occhi di tutti ed andava fatta all’ora. Spendere tanti e tanti soldi per fare Expo 2015 con truffe e mazzette e quant’altro per fare in modo che l’economia dei Paesi nella quale si verifica l’immigrazione sia un’economia che cresca a livello artigianale, commerciale ed industriale. Invece costruiamo, grandi opere gli compriamo il petrolio e poi li facciamo morire  nella loro cultura fatta di pochi ricchi e moltissimi poveri, Oggi stiamo pagando tutto questo.
Articolo di Stefano Becciolini© del 20 Febbraio 2015


 Ricevi articoli
Vuoi rimanere aggiornato sui nuovi articoli e riceverli via mail anche sul cellulare? Ricorda che arriverà una mail di richiesta conferma al tuo indirizzo di posta elettronica